Ogni viaggiatore che si rispetti tiene un diario di bordo. Raccontare è come viaggiare, e se non porti con te un po' dell'altro, i tuoi orizzonti saranno sempre ridotti a quello che hai creduto di vedere.


Antonello Messina



lunedì 5 novembre 2012

"Untitled Painting"


Dipinto su commissione.  Olio su tela 50 X 70 

Nella versione "Pittore", mi chiedo: e se avessi avuto il tempo o la decenza di scegliere solo la pittura?, o se avrò un'altra vita da qualche parte, che mi vede lontano dalle autostrade e dal sipario, ed in sola buona compagnia di pigmenti, tele, e orizzonti da catturare.

2 commenti:

  1. Che bella, la luce sul vestitino!

    RispondiElimina
  2. mi colpisce molto questa tua riflessione. Io che ho scelto la pittura(anche perchè non so fare altro)spesso sento la mancanza delle autostrade, della vita nomade e mi trovo ad invidiare (bonariamente eh) gli attori, i musicisti e tutti coloro che nella vita cambiano spesso luogo. E' una questione di impressioni stagnanti e impressioni che si rinnovano....

    RispondiElimina

Grazie per il tuo comment.