Ogni viaggiatore che si rispetti tiene un diario di bordo. Raccontare è come viaggiare, e se non porti con te un po' dell'altro, i tuoi orizzonti saranno sempre ridotti a quello che hai creduto di vedere.


Antonello Messina



martedì 2 aprile 2013

Preghiera di un ateo.


Tutti speravano in un papa, 
hanno ricevuto qualcosa di più grande: un uomo. 

Francesco ha già con la sua umanità invertito la rotta di una Chiesa che assieme a tutto il resto andava dritta a sbattere verso il nulla. 

Lo guardo e lo ascolto con commozione, perché semplicità e umanità sono una luce che rischia di spegnersi del tutto. Il mondo occidentale finirà con l'implodere o ancor peggio esplodere se non darà un significato all'ordine, ed un ordine primario ai sentimenti. Il numero di suicidi è un importante indicatore di malessere che la società non può continuare ad ignorare. La percentuale di suicidi nei paesi nordici è sproporzionata al benessere a cui si è forse "costretti". In Italia gli uomini oggi si suicidano per mancanza di lavoro, in Svezia si suicidano forse a causa del troppo lavoro, o perché nell'avere tutto si perde il significato di molto. In Africa nessuno si uccide, ma si muore per "sostenere" il benessere/malessere del mondo civilizzato. In ogni caso tutto ciò non ha più senso. Posso intuire pur disapprovando le "motivazioni"dello IOR, dell'industria del tabacco, dell'alcool, di quella delle armi, di chi produce virus per il controllo delle masse, di politica e mafie, ma tutto ciò non può perdurare senza distruggere l'uomo, a qualunque latitudine si trovi. 

Santità: abbiamo bisogno di miracoli, urgentemente, anzi no: abbiamo bisogno di tornare indietro, abbracciare le piccole cose che ci rendono grandi. Dunque pregherò per lei, affinché lei si mantenga uomo. 
Lei preghi per me, affinché io possa, in qualcosa, in qualcuno, sentirmi credente. 



Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo comment.